E’ evidente che ci troviamo a vivere una situazione difficilissima. Lo è per tutti come cittadini, come famiglie, perlopiù come imprese. In attesa di ulteriori misure restrittive il settore della ristorazione e tutta la filiera si ritrova, ancora una volta, in balia degli eventi. Non si sa quando aprire, come fare gli acquisiti, cosa dire ai propri dipendenti. Insomma, il malumore aumenta. E i ristori finora erogati non possono essere considerati sufficienti a ripianare le perdite subite.

La storia ci insegna che quando il malumore cresce, con esso crescono anche fenomeni che dalla loro hanno certamente la forza dello scontento di molti, la passione e l’animosità che portano con loro, ma non l’esperienza e la conoscenza del saper fare rappresentanza.

CNA tutela gli interessi di artigiani e piccole e medie imprese dal 1946 e di questi fenomeni ne ha visti nascere e sfumare – a pari velocità- parecchi. Come CNA Agroalimentare siamo molto critici e pur comprendendo l’esasperazione di molti, invitiamo gli imprenditori alla massima prudenza.

La protesta, se civile e non violenta, è più che legittima. Bisogna però fare attenzione a chi invita a trasgredire le regole anziché cercare di far valere la propria voce attraverso azioni condivise e legali. Le sanzioni, infatti, arrivano alle singole imprese, non a chi le organizza, che tra l’altro non ha recapiti ufficiali.

Si stanno diffondendo, infatti, tramite i social network appelli alla disobbedienza civile che incitano ristoratori e baristi ad aprire comunque nel weekend – quando, stando alle anticipazioni, tutta Italia dovrebbe trovarsi in zona arancione- e promettendo azione legale gratuita a chi riceverà sanzioni per aver contravvenuto alle regole.

Le imprese, e in primis quelle della ristorazione, hanno adeguato i propri locali nel rispetto delle misure di sicurezza non sono solo verso i clienti ma anche verso il personale dipendente e i fornitori. Adesso occorre che riprendano le erogazioni dei ristori alle imprese di ristorazione, fermi a dicembre, così come la cassa integrazione, ferma a maggio.

Confidiamo in tempi celeri per l’espletamento delle vaccinazioni ma soprattutto nel senso di responsabilità di tutti, non solo da parte di chi deve rispettare le regole, ma anche dal Governo e dalle Regioni. Occorre accelerare al massimo i tempi per riaprire le attività, senza tollerare ritardi.

Richiedi informazioni verrai contattato nel piu’ breve tempo possibile












    INFORMATIVA PRIVACY

    Ai sensi del GDPR 679/19 (REGOLAMENTO EUROPEO) si informa che i Suoi dati vengono raccolti al fine di adempiere, prima della conclusione del contratto, a Sue specifiche richieste. I dati saranno elaborati tramite strumenti manuali, informatici e telematici. Il conferimento dei dati ha natura facoltativa. I dati non saranno oggetto di diffusione, ma potranno essere comunicati alle società del sistema CNA Rimini e messi a conoscenza degli incaricati dello specifico ufficio. La si informa dell’esistenza del suo diritto a chiederci l’accesso ai suoi dati personali, di rettifica, di cancellazione degli stessi, di limitazione del trattamento, dei dati che la riguardano, di opporsi al loro trattamento, alla portabilità dei dati.

    Titolare del trattamento è CNA Associazione Territoriale di Rimini, con sede a Rimini, P.le Tosi 4

    Per prendere visione dell’informativa completa chiedere al titolare del trattamento oppure collegarsi su www.cnarimini.it.

    LIBERATORIA DI AUTORIZZAZIONE PER RIPRESE VIDEO-FOTOGRAFICHE

    Durante l’evento vengono effettuate registrazioni audio video e riprese fotografiche, anche di natura ritrattistica, che riprendono il/la sottoscritto/a. Parte del materiale fotografico e video realizzato dalla società potrà essere pubblicato sui siti web aziendali, sulle piattaforme dedicate al web-streaming dell’evento, su riviste o in ogni altro qualsivoglia supporto destinato alla diffusione ed utilizzato a fini promozionali dell’attività svolta dal Titolare, nonché per finalità di riproduzione dell’evento.

    Il sottoscritto/a è stato/a informato/a sul contenuto dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. Tanto premesso, il sottoscritto/a, come sopra identificato/a,

    autorizza,

    CNA ASSOCIAZIONE TERRITORIALE DI RIMINI, con sede in P.le Tosi 4 – Rimini (RN) alla detenzione del materiale fotografico e video di cui sopra ed alla utilizzazione del medesimo per la relativa pubblicazione sui siti web aziendali, sulle piattaforme dedicate alla web-streaming dell’evento, su riviste o brochures, o depliant, sui social network e in ogni altro qualsivoglia supporto destinato alla diffusione e utilizzato a fini promozionali dell’attività svolta dal Titolare, nonché per finalità di riproduzione dell’evento, senza aver nulla a pretendere o recriminare.

    Tale autorizzazione è subordinata al mantenimento della massima riservatezza circa i propri dati.

    La presente autorizzazione potrà essere revocata in qualunque momento, inviando la revoca per iscritto con raccomandata A/R al Titolare, presso la sede legale come sopra indicata. La revoca avrà effetto a decorrere dalla data di ricezione della raccomandata da parte del Titolare che sarà tenuto ad attestare l’avvenuta rimozione delle immagini oggetto di revoca. Resta inteso che la revoca non avrà alcun effetto rispetto ai trattamenti già effettuati e altrettanto dovrà aversi nel caso in cui la cancellazione/la rimozione dei dati sia diventata impossibile o comunque di difficile realizzazione, come per esempio nel caso di salvataggio effettuato da soggetti terzi sui propri pc o altri supporti e la loro pubblicazione su brochures, o depliant.

    Lo/La scrivente solleva il Titolare da ogni incombenza economica e da ogni responsabilità inerente un uso scorretto del materiale fotografico da parte degli utenti dei siti o, comunque, di terzi; con la presente liberatoria il Titolare viene svincolato da ogni responsabilità diretta o indiretta inerente i danni all’immagine o alla riservatezza che esulino dagli obblighi cui è per legge tenuto.

    Fa divieto al Titolare di utilizzare le immagini raccolte secondo modalità che ne pregiudichino la dignità personale e professionale ed il decoro. La posa delle immagini è da considerarsi effettuata in forma del tutto gratuita.