Il Regolamento istitutivo del dispositivo di ripresa e resilienza, il principale strumento di Next generation EU, è stato pubblicato oggi sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Il dispositivo sarà fornito di un bilancio complessivo di 672.5 miliardi di euro che saranno erogati agli Stati membri per sostenerli nella loro ripresa dalla pandemia COVID-19. L’ammontare sarà suddiviso in 312.5 miliardi di euro erogati sotto forma di sovvenzioni e 360 miliardi di euro sotto forma di prestiti. Le risorse dovranno essere spese dagli Stati membri per attuare riforme e mobilitare investimenti (pubblici e privati) nei seguenti settori:

  • transizione verde;
  • trasformazione digitale;
  • crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, compresa la coesione economica, l’occupazione, la produttività, la competitività, la ricerca, lo sviluppo e l’innovazione e un mercato unico ben funzionante con PMI forti;
  • coesione sociale e territoriale;
  • resilienza sanitaria, economica, sociale e istituzionale, anche al fine di aumentare la capacità di reazione alle crisi e la preparazione alle crisi;
    politiche per la prossima generazione, bambini e giovani, compresa l’istruzione e le competenze.

 

Del volume complessivo, il 37% dovrà essere speso per la transizione verde e il 20% per la trasformazione digitale. Inoltre, il Regolamento stabilisce che il 13 % dell’importo totale assegnato a ciascuno Stato membro sarà messo a disposizione come prefinanziamento, previa approvazione del piano per la ripresa e la resilienza. L’anticipo che l’Italia potrà ottenere è di 20-21 miliardi.

Il regolamento stabilisce le modalità con cui i piani nazionali di ripresa e resilienza saranno giudicati ammissibili e richiede agli Stati membri di includere, nelle proposte che saranno inviate alla Commissione europea per la valutazione e approvazione, una sintesi del processo di consultazione effettuato nella stesura dei piani con le autorità locali e regionali, le parti sociali, le organizzazioni della società civile, le organizzazioni giovanili e altre parti interessate pertinenti.

Per l’Italia, il calcolo delle sovvenzioni prevede la disponibilità di 44,7 miliardi nel 2021 e di 20,7 miliardi nel 2022. A questi si aggiungono i prestiti che il paese può richiedere per integrare le risorse finalizzate alla realizzazione del piano nazionale di ripresa.

Il testo pubblicato è disponibile al LINK.

Richiedi informazioni verrai contattato nel piu’ breve tempo possibile












    INFORMATIVA PRIVACY

    Ai sensi del GDPR 679/19 (REGOLAMENTO EUROPEO) si informa che i Suoi dati vengono raccolti al fine di adempiere, prima della conclusione del contratto, a Sue specifiche richieste. I dati saranno elaborati tramite strumenti manuali, informatici e telematici. Il conferimento dei dati ha natura facoltativa. I dati non saranno oggetto di diffusione, ma potranno essere comunicati alle società del sistema CNA Rimini e messi a conoscenza degli incaricati dello specifico ufficio. La si informa dell’esistenza del suo diritto a chiederci l’accesso ai suoi dati personali, di rettifica, di cancellazione degli stessi, di limitazione del trattamento, dei dati che la riguardano, di opporsi al loro trattamento, alla portabilità dei dati.

    Titolare del trattamento è CNA Associazione Territoriale di Rimini, con sede a Rimini, P.le Tosi 4

    Per prendere visione dell’informativa completa chiedere al titolare del trattamento oppure collegarsi su www.cnarimini.it.

    LIBERATORIA DI AUTORIZZAZIONE PER RIPRESE VIDEO-FOTOGRAFICHE

    Durante l’evento vengono effettuate registrazioni audio video e riprese fotografiche, anche di natura ritrattistica, che riprendono il/la sottoscritto/a. Parte del materiale fotografico e video realizzato dalla società potrà essere pubblicato sui siti web aziendali, sulle piattaforme dedicate al web-streaming dell’evento, su riviste o in ogni altro qualsivoglia supporto destinato alla diffusione ed utilizzato a fini promozionali dell’attività svolta dal Titolare, nonché per finalità di riproduzione dell’evento.

    Il sottoscritto/a è stato/a informato/a sul contenuto dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. Tanto premesso, il sottoscritto/a, come sopra identificato/a,

    autorizza,

    CNA ASSOCIAZIONE TERRITORIALE DI RIMINI, con sede in P.le Tosi 4 – Rimini (RN) alla detenzione del materiale fotografico e video di cui sopra ed alla utilizzazione del medesimo per la relativa pubblicazione sui siti web aziendali, sulle piattaforme dedicate alla web-streaming dell’evento, su riviste o brochures, o depliant, sui social network e in ogni altro qualsivoglia supporto destinato alla diffusione e utilizzato a fini promozionali dell’attività svolta dal Titolare, nonché per finalità di riproduzione dell’evento, senza aver nulla a pretendere o recriminare.

    Tale autorizzazione è subordinata al mantenimento della massima riservatezza circa i propri dati.

    La presente autorizzazione potrà essere revocata in qualunque momento, inviando la revoca per iscritto con raccomandata A/R al Titolare, presso la sede legale come sopra indicata. La revoca avrà effetto a decorrere dalla data di ricezione della raccomandata da parte del Titolare che sarà tenuto ad attestare l’avvenuta rimozione delle immagini oggetto di revoca. Resta inteso che la revoca non avrà alcun effetto rispetto ai trattamenti già effettuati e altrettanto dovrà aversi nel caso in cui la cancellazione/la rimozione dei dati sia diventata impossibile o comunque di difficile realizzazione, come per esempio nel caso di salvataggio effettuato da soggetti terzi sui propri pc o altri supporti e la loro pubblicazione su brochures, o depliant.

    Lo/La scrivente solleva il Titolare da ogni incombenza economica e da ogni responsabilità inerente un uso scorretto del materiale fotografico da parte degli utenti dei siti o, comunque, di terzi; con la presente liberatoria il Titolare viene svincolato da ogni responsabilità diretta o indiretta inerente i danni all’immagine o alla riservatezza che esulino dagli obblighi cui è per legge tenuto.

    Fa divieto al Titolare di utilizzare le immagini raccolte secondo modalità che ne pregiudichino la dignità personale e professionale ed il decoro. La posa delle immagini è da considerarsi effettuata in forma del tutto gratuita.