Il Premio Margutta – La Via delle Arti ha raggiunto quest’anno la sua XV edizione e nella serata di ieri i protagonisti del mondo delle arti, della cultura e dell’informazione hanno celebrato nella Curia Iulia uno dei più prestigiosi appuntamenti culturali programmati nella città di Roma.

La manifestazione, prodotta da Spazio Margutta, organizzata da Grazia Marino e patrocinata dalla Regione Lazio, dal Municipio Roma I Centro e dall’Associazione Internazionale di Via Margutta, sebbene anche quest’anno si sia separata idealmente dalla magica atmosfera della mitica ‘Via’ per approdare in una storica e prestigiosa sede istituzionale della capitale, quale è il Parco Archeologico del Colosseo, ha pur sempre nei suoi intenti istitutivi quello di celebrare e riportare l’attenzione generale su uno dei luoghi più famosi della città eterna: ‘Via Margutta’, definita unanimemente tra le vie dell’arte e della creatività più celebri al mondo.

Nell’antica sede del senato romano, dalla conduttrice e anima propositiva del Premio, Cinzia Malvini, coadiuvata nell’introduzione storica della manifestazione, dal critico d’arte Mirko Baldassarre, l’ambita scultura è stata conferita ad autorevoli personalità come-per citarne alcuni- la dott.ssa Alfonsina Russo, direttore del Parco Archeologico del Colosseo per la sezione Arte e l’arch. Antonio Romano, tra i massimi esperti di brand design per la sezione Design.

Per la sezione Imprenditoria il premio è andato a Miamo, brand italiano di cosmetica funzionale, che si è distinto per crescita e performance in un periodo particolarmente sfidante come quello che stiamo vivendo. A ritirare il premio, consegnato da Claudio Cappellini, responsabile Politiche Comunitarie CNA è stato Giovanni D’Antonio, CEO e Co-founder di Mesdpa Srl, di cui il brand fa parte.

Il Premio Margutta tra le sue tante funzioni ha deciso di assolvere anche a quello di vetrina per promuovere le principali realtà imprenditoriali nazionali. Per questa ragione durante l’evento viene conferito il Premio Italian Style. Tre i conferimenti nell’edizione 2021: all’associazione di produttori locali La Strada del Vino del Val di Noto, alla wealth manager Fulvia Beltrami e, dulcis in fundo, alla nostra CNA Federmodaper le connessioni e contaminazioni intente a sostenere la creatività e a promuovere il made in Italy’.  A ritirare il Premio, Antonio Franceschini, responsabile nazionale CNA Federmoda.

 

 

Richiedi informazioni verrai contattato nel piu’ breve tempo possibile











    No



    INFORMATIVA PRIVACY

    Ai sensi del GDPR 679/19 (REGOLAMENTO EUROPEO) si informa che i Suoi dati vengono raccolti al fine di adempiere, prima della conclusione del contratto, a Sue specifiche richieste. I dati saranno elaborati tramite strumenti manuali, informatici e telematici. Il conferimento dei dati ha natura facoltativa. I dati non saranno oggetto di diffusione, ma potranno essere comunicati alle società del sistema CNA Rimini e messi a conoscenza degli incaricati dello specifico ufficio. La si informa dell’esistenza del suo diritto a chiederci l’accesso ai suoi dati personali, di rettifica, di cancellazione degli stessi, di limitazione del trattamento, dei dati che la riguardano, di opporsi al loro trattamento, alla portabilità dei dati.

    Titolare del trattamento è CNA Associazione Territoriale di Rimini, con sede a Rimini, P.le Tosi 4

    Per prendere visione dell’informativa completa chiedere al titolare del trattamento oppure collegarsi su www.cnarimini.it.

    LIBERATORIA DI AUTORIZZAZIONE PER RIPRESE VIDEO-FOTOGRAFICHE

    Durante l’evento vengono effettuate registrazioni audio video e riprese fotografiche, anche di natura ritrattistica, che riprendono il/la sottoscritto/a. Parte del materiale fotografico e video realizzato dalla società potrà essere pubblicato sui siti web aziendali, sulle piattaforme dedicate al web-streaming dell’evento, su riviste o in ogni altro qualsivoglia supporto destinato alla diffusione ed utilizzato a fini promozionali dell’attività svolta dal Titolare, nonché per finalità di riproduzione dell’evento.

    Il sottoscritto/a è stato/a informato/a sul contenuto dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. Tanto premesso, il sottoscritto/a, come sopra identificato/a,

    autorizza,

    CNA ASSOCIAZIONE TERRITORIALE DI RIMINI, con sede in P.le Tosi 4 – Rimini (RN) alla detenzione del materiale fotografico e video di cui sopra ed alla utilizzazione del medesimo per la relativa pubblicazione sui siti web aziendali, sulle piattaforme dedicate alla web-streaming dell’evento, su riviste o brochures, o depliant, sui social network e in ogni altro qualsivoglia supporto destinato alla diffusione e utilizzato a fini promozionali dell’attività svolta dal Titolare, nonché per finalità di riproduzione dell’evento, senza aver nulla a pretendere o recriminare.

    Tale autorizzazione è subordinata al mantenimento della massima riservatezza circa i propri dati.

    La presente autorizzazione potrà essere revocata in qualunque momento, inviando la revoca per iscritto con raccomandata A/R al Titolare, presso la sede legale come sopra indicata. La revoca avrà effetto a decorrere dalla data di ricezione della raccomandata da parte del Titolare che sarà tenuto ad attestare l’avvenuta rimozione delle immagini oggetto di revoca. Resta inteso che la revoca non avrà alcun effetto rispetto ai trattamenti già effettuati e altrettanto dovrà aversi nel caso in cui la cancellazione/la rimozione dei dati sia diventata impossibile o comunque di difficile realizzazione, come per esempio nel caso di salvataggio effettuato da soggetti terzi sui propri pc o altri supporti e la loro pubblicazione su brochures, o depliant.

    Lo/La scrivente solleva il Titolare da ogni incombenza economica e da ogni responsabilità inerente un uso scorretto del materiale fotografico da parte degli utenti dei siti o, comunque, di terzi; con la presente liberatoria il Titolare viene svincolato da ogni responsabilità diretta o indiretta inerente i danni all’immagine o alla riservatezza che esulino dagli obblighi cui è per legge tenuto.

    Fa divieto al Titolare di utilizzare le immagini raccolte secondo modalità che ne pregiudichino la dignità personale e professionale ed il decoro. La posa delle immagini è da considerarsi effettuata in forma del tutto gratuita.