L’Italia non cresce da 20 anni, complici una burocrazia farraginosa, una pressione fiscale eccessiva, l’inefficienza della giustizia civile. E ancora: la difficoltà di accesso al credito e una fitta giungla normativa. Ostacoli che gravano soprattutto sulle micro e piccole imprese che stanno pagando il prezzo più elevato della crisi in atto. Sergio Silvestrini, segretario generale CNA, nel suo intervento di oggi su Il Foglio sollecita una riflessione. Sulla governance del Recovery Plan e sul ruolo che giocano le micro e piccole imprese italiane. E invita a superare un luogo comune, secondo il quale queste realtà produttive sarebbero la zavorra del sistema economico italiano e la principale causa della bassa crescita.

Le micro e piccole impese italiane

Tutt’altro. Perché le micro e piccole imprese esprimono oltre un terzo degli addetti, il 55,6% del fatturato, il 61,2% degli investimenti e il 78,6% dell’export seconda una analisi curata dal Centro Studi della CNA che evidenzia come il numero complessivo delle micro imprese in Italia sia analogo a quello dei principali partner europei. Piuttosto il vero gap della struttura produttiva emerge nei segmenti delle medie e grandi imprese che sono circa un quarto rispetto alle oltre 12mila della Germania. Micro e piccole imprese sono un ingranaggio vitale per il motore della crescita. Lo ha riaffermato la Commissione europea ma lo stanno dimostrando concretamente gli Stati Uniti che nel primo pacchetto di aiuti diretti hanno speso 660 miliardi di dollari destinandoli a imprese con meno di 500 dipendenti. Sopra quella soglia niente sussidi e nemmeno le garanzie pubbliche su prestiti ma solo benefici ai lavoratori.

Le risorse europee

Alle lentezze della macchina burocratica italiana e ai pregiudizi sulla struttura produttiva del nostro paese si aggiunge oggi il tema dell’impiego delle risorse europee. I modesti miglioramenti degli ultimi due anni non sono legati a una maggiore efficienza della macchina pubblica (centrale e periferica). Derivano piuttosto dai margini di flessibilità concessi dalle istituzioni europee. I 51 progetti italiani del ciclo 2014-2020 finanziati dal Fondo sociale e dal Fondo di sviluppo regionale hanno centrato a fatica l’obiettivo di spesa. Ma in tre anni dovranno essere impegnati quasi 30 miliardi, un volume ben superiore alla capacità di utilizzo finora dimostrata, pari a circa 18 miliardi dal 2014 ad oggi. E la lentezza caratterizza sia lo Stato centrale che le regioni in egual misura.

Le micro e piccole imprese possono ricoprire un ruolo di primo piano per il rilancio delle infrastrutture, approdo naturale di asset alternativi a titoli di Stato a rendimenti nulli e negativi. Il PNRR potrebbe infine essere il volano di flussi di investimento attivando un meccanismo virtuoso di cofinanziamento privato.

Per leggere l’articolo apparso su Il Foglio clicca qui.

Richiedi informazioni verrai contattato nel piu’ breve tempo possibile












    INFORMATIVA PRIVACY

    Ai sensi del GDPR 679/19 (REGOLAMENTO EUROPEO) si informa che i Suoi dati vengono raccolti al fine di adempiere, prima della conclusione del contratto, a Sue specifiche richieste. I dati saranno elaborati tramite strumenti manuali, informatici e telematici. Il conferimento dei dati ha natura facoltativa. I dati non saranno oggetto di diffusione, ma potranno essere comunicati alle società del sistema CNA Rimini e messi a conoscenza degli incaricati dello specifico ufficio. La si informa dell’esistenza del suo diritto a chiederci l’accesso ai suoi dati personali, di rettifica, di cancellazione degli stessi, di limitazione del trattamento, dei dati che la riguardano, di opporsi al loro trattamento, alla portabilità dei dati.

    Titolare del trattamento è CNA Associazione Territoriale di Rimini, con sede a Rimini, P.le Tosi 4

    Per prendere visione dell’informativa completa chiedere al titolare del trattamento oppure collegarsi su www.cnarimini.it.

    LIBERATORIA DI AUTORIZZAZIONE PER RIPRESE VIDEO-FOTOGRAFICHE

    Durante l’evento vengono effettuate registrazioni audio video e riprese fotografiche, anche di natura ritrattistica, che riprendono il/la sottoscritto/a. Parte del materiale fotografico e video realizzato dalla società potrà essere pubblicato sui siti web aziendali, sulle piattaforme dedicate al web-streaming dell’evento, su riviste o in ogni altro qualsivoglia supporto destinato alla diffusione ed utilizzato a fini promozionali dell’attività svolta dal Titolare, nonché per finalità di riproduzione dell’evento.

    Il sottoscritto/a è stato/a informato/a sul contenuto dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. Tanto premesso, il sottoscritto/a, come sopra identificato/a,

    autorizza,

    CNA ASSOCIAZIONE TERRITORIALE DI RIMINI, con sede in P.le Tosi 4 – Rimini (RN) alla detenzione del materiale fotografico e video di cui sopra ed alla utilizzazione del medesimo per la relativa pubblicazione sui siti web aziendali, sulle piattaforme dedicate alla web-streaming dell’evento, su riviste o brochures, o depliant, sui social network e in ogni altro qualsivoglia supporto destinato alla diffusione e utilizzato a fini promozionali dell’attività svolta dal Titolare, nonché per finalità di riproduzione dell’evento, senza aver nulla a pretendere o recriminare.

    Tale autorizzazione è subordinata al mantenimento della massima riservatezza circa i propri dati.

    La presente autorizzazione potrà essere revocata in qualunque momento, inviando la revoca per iscritto con raccomandata A/R al Titolare, presso la sede legale come sopra indicata. La revoca avrà effetto a decorrere dalla data di ricezione della raccomandata da parte del Titolare che sarà tenuto ad attestare l’avvenuta rimozione delle immagini oggetto di revoca. Resta inteso che la revoca non avrà alcun effetto rispetto ai trattamenti già effettuati e altrettanto dovrà aversi nel caso in cui la cancellazione/la rimozione dei dati sia diventata impossibile o comunque di difficile realizzazione, come per esempio nel caso di salvataggio effettuato da soggetti terzi sui propri pc o altri supporti e la loro pubblicazione su brochures, o depliant.

    Lo/La scrivente solleva il Titolare da ogni incombenza economica e da ogni responsabilità inerente un uso scorretto del materiale fotografico da parte degli utenti dei siti o, comunque, di terzi; con la presente liberatoria il Titolare viene svincolato da ogni responsabilità diretta o indiretta inerente i danni all’immagine o alla riservatezza che esulino dagli obblighi cui è per legge tenuto.

    Fa divieto al Titolare di utilizzare le immagini raccolte secondo modalità che ne pregiudichino la dignità personale e professionale ed il decoro. La posa delle immagini è da considerarsi effettuata in forma del tutto gratuita.